FAUVE FLOWERS METAMORPHOSIS

Manuel Tonetti

Un viaggio che inizia in bianco e nero, tra le prime foglie e i primi fiori dei bozzetti preparatori di Henri Matisse, che ancora senza anima circondavano le conformazioni dei volti sconsolati e sognanti delle sue odalische. Un viaggio che prende poi forma tra le logiche naturali di complementarietà e contrasto, tra semplificazione e mutamento, in una continua ‘Danza’ di elementi seppur distanti, ma armonici. Si sente il profumo delle peonie, il cinguettio dei pappagalli, il tremolio flebile e dolce dei tulipani al vento. Si sentono le scimmie in festa, guardare i fenicotteri riposare eil fruscio delle spighe e delle palme nel loro moto oscillante e leggero. Dalla foresta tropicale, ai paesaggi campestri, dalla flora orientale a quella occidentale, tutto prende forma e anima in cromatismi romantici e sofisticati tipici delle illustrazioni di William Santiago. Un inizio in bianco e nero, un finale a colori.

A journey that begins in black and white, among the first leaves and the first flowers of the preparatory sketches by Henri Matisse, who still surrounded the confines of the disconsolate and dreamy faces of his odalisques. A journey that then takes shape between the natural logic of complementarity and contrast, between simplification and change, in a continuous ‘Dance’ of elements albeit distant, but harmonious. You can smell the scent of peonies, the chirping of parrots, the feeble and soft flickering of the tulips in the wind. You can hear the monkeys party, watch the flamingos rest and the rustle of the ears and the palms in their oscillating and light motion. From the tropical forest, to rural landscapes, from oriental to western flora, everything takes shape and soul in romantic and sophisticated colors typical of the illustrations of William Santiago. A black and white start, a color end.

Catwalk